mercoledì 14 marzo 2018

Scorie - Ma quale laissez-faire?




Capita purtroppo con una irritante frequenza di imbattersi nell'utilizzo di termini ai quali viene attribuito un significato che è diverso, perfino opposto, a quello originale. Non so se si tratti sempre di un utilizzo in malafede, ma ciò finisce per stravolgere il significato delle parole. E' successo con il termine "inflazione" nel corso del secolo scorso, per fare un solo esempio.

Questa volta mi è capitato di imbattermi nello stravolgimento del concetto di laissez-faire, a opera di Roberto Sommella. Il quale, essendo nella (folta) schiera di coloro che ritengono la stampa di denaro una soluzione e non la fonte di problemi, ha di recente commentato i risultati del Qe per le banche centrali.

Le quali hanno aumentato i profitti contabili come conseguenza dell'acquisto di migliaia di miliardi di titoli pagati creando base monetaria. La principale beneficiaria, essendo gli acquisti proporzionali alle quote di partecipazione al capitale della BCE, è la Bundesbank. Per questo Sommella, riferendosi al suo presidente, Jens Weidmann, ha scritto che "quello che è tuttora uni dei più fidati consiglieri della cancelliera Angela Merkel ha cominciato a tramutarsi da storico falco a colomba del laissez-faire monetario".

Ma quale laissez-faire? Se c'è qualcosa di totalmente contrario al laissez-faire monetario sono le monete fiat emesse in monopolio dalle banche centrali.

Resta da capire se queste siano solo dimostrazioni di ignoranza o esercitazioni di neolingua orwelliana.

Non so cosa sarebbe peggio.
 "Se io domenica mattina vado a votare - ha sottolineato il Cardinale- è perché sono convinto che esista un bene comune che riguarda te, riguarda tutti noi. Siamo un 'noi' di cui dobbiamo tenere conto. E mi fa paura, invece, questo atteggiamento individualistico, in fondo, di non scegliere. E, poi, quante nazioni ci sono nel mondo dove non si vota, dove c'è una testa che ha già pensato tutto... In fondo noi viviamo in una democrazia... E' un valore aggiunto anche la democrazia. In democrazia senti cose dritte, senti cose storte, senti cose che condividi e non condividi... Certamente tutti abbiamo il dovere di informarci, di farci una coscienza. Il voto è esprimere un giudizio".


Nessun commento:

Posta un commento