lunedì 25 giugno 2018

Scorie - Tria, la versione accademica delle scemenze pentastellate (1/2)




Più leggo le affermazioni di Giovanni Tria, ministro dell'Economia, più mi convinco che costui stia semplicemente calciando avanti il barattolo (nella visione benevola), o bluffando clamorosamente (nella visione maliziosa). Ecco, per esempio, quanto affermato al termine dell'ultimo Ecofin:

"L'intenzione è cercare di rispettare l'impegno dello 0,3%, si stanno facendo dei calcoli che una piccola deviazione dall'impegno, che la Commissione già si aspetta, deriverebbe dal fatto che lo 0,3% dipende da un quadro macroeconomico favorevole, naturalmente ora c'è un rallentamento in tutta la Ue, ci possono essere piccole deviazioni, ma nella sostanza delle linee economiche non cambiano".

In pratica sarebbe possibile attuare, anche solo in parte, le promesse elettorali dei due azionisti del governo mantenendo gli impegni di riduzione di deficit e debito, salvo "piccole deviazioni" dovute a un rallentamento della crescita del Pil.

Nei giorni scorsi, Tria aveva affermato, a proposito della risoluzione (vuota) di maggioranza al DEF:

"Gli investimenti pubblici impattano positivamente e in maniera rilevante sulla domanda aggregata di breve termine, ma, soprattutto, sul potenziale dell'economia. Inoltre, in questa fase macroeconomica, è ragionevole assumere che gli investimenti abbiano un moltiplicatore particolarmente elevato che, indirettamente, ne finanzierebbe parte dei costi di bilancio, anche in ragione degli effetti positivi sugli investimenti privati."

Tria usa un linguaggio un po' più accademico della sua neoviceministra Laura Castelli, ma si lascia anche lui andare ad affermazioni incredibili (nel senso di non credibili).

A suo dire, "gli investimenti pubblici materiali e immateriali dovranno essere la chiave per ottenere quel di più di crescita che permetterà di conciliare l'attuazione del programma di riforme strutturali, annunciato dal governo, con un quadro di finanza pubblica coerente con l'obiettivo di diminuzione progressiva del rapporto debito-Pil, sul quale il governo si è impegnato."

Riforme che, in ultima analisi, sarebbero flat tax, revisione della legge Fornero e reddito di cittadinanza. E che sarebbero sostenibili grazie a più investimenti pubblici finanziati in deficit, che porterebbero miracolosamente a un tale aumento del Pil che il rapporto tra debito e Pil diminuirebbe.

Come ha notato Carlo Cottarelli:

"Peccato che non ci sia un Paese che sia riuscito a ridurre in modo stabile il rapporto tra debito pubblico e Pil facendo più deficit. Non ce n'è uno."

A partire dall'Italia, aggiungerei.

E poi dicono che Tria è quello rassicurante.
 
 "Se io domenica mattina vado a votare - ha sottolineato il Cardinale- è perché sono convinto che esista un bene comune che riguarda te, riguarda tutti noi. Siamo un 'noi' di cui dobbiamo tenere conto. E mi fa paura, invece, questo atteggiamento individualistico, in fondo, di non scegliere. E, poi, quante nazioni ci sono nel mondo dove non si vota, dove c'è una testa che ha già pensato tutto... In fondo noi viviamo in una democrazia... E' un valore aggiunto anche la democrazia. In democrazia senti cose dritte, senti cose storte, senti cose che condividi e non condividi... Certamente tutti abbiamo il dovere di informarci, di farci una coscienza. Il voto è esprimere un giudizio".


Nessun commento:

Posta un commento