mercoledì 20 dicembre 2017

Scorie - La strada obbligata verso l'inferno fiscale




Così come ci sono giornalisti che si occupano di vicende giudiziarie i cui articoli appoggiano sempre e comunque l'operato della magistratura, ce ne sono che si occupano di faccende fiscali i quali già quando scrivono di elusione fiscale sembra che invochino la caccia all'untore. Figuriamoci se scrivono di evasione.

Tra costoro c'è Alessandro Galimberti, che scrive sul Sole 24Ore. Il quale, riferendosi alle recenti mosse dell'antitrust europeo contro i cosiddetti tax ruling sottoscritti da diverse multinazionali con le autorità fiscali di alcuni Paesi Ue, afferma:

"È ancora ammissibile la possibilità di avere 27 sistemi fiscali differenti nello spazio Ue, ognuno con proprie leggi, proprie regole, con proprie aliquote e con propri uffici che trattano la materia come fosse questione nazionale? L'esperienza e la storia recente dimostrano che questo modello ha perpetuato l'esistenza di paradisi "reali" - con l'aggravante dello spazio allargato Ue - e ne ha addirittura creati di nuovi, basti pensare alla Gran Bretagna e alle sue meravigliose isole, ma anche ai granducati, ai principati, a Malta e ai Paesi Bassi, alle microrepubbliche e alle città-stato, per non parlare dei paradisi alpini che sono molti e spesso insospettabili. Il problema oggi non è tanto "come uscire" da questo circolo vizioso, perché è evidente che la strada è obbligata ed è una sola, armonizzare il diritto fiscale comunitario e la sua giurisdizione. Il tema è invece "se" e "quando" ci saranno le condizioni per l'inversione di tendenza, visto che ad oggi nessuno dei Paesi che vivono di dumping fiscale (alle e sulle spalle dei loro "partner" continentali) ha la benché minima intenzione di cambiare rotta".

Si noti che ogni Paese che applica una tassazione meno pesante di quella media europea è accusato di praticare dumping fiscale.

Si noti anche che siamo all'assurdo per cui un'autorità europea che si occupa (almeno a parole) di tutelare la concorrenza agisce per limitare la concorrenza tra sistemi fiscali.

Quanto alla armonizzazione del diritto fiscale e della sua giurisdizione, che Galimberti (e non solo lui) indica come essere la sola "strada obbligata", credo che complessivamente sia un bene che ci sia chi non intende "cambiare rotta".

Se, infatti, avere a che fare con sistemi fiscali diversi nei vari Paesi europei comporta costi per le inevitabili consulenze fiscali che potrebbero essere evitate (o ridimensionate) in presenza di sistemi uniformi, è bene tenere in considerazione che la vera uniformità a cui puntano i "livellatori" fiscali riguarda il peso della tassazione.

In un contesto comunitario in cui i mantra sono "serve più Europa" e "serve un bilancio comunitario più ampio", è abbastanza semplice rendersi conto che il livellamento avverrebbe verso l'alto.

Per i tassatori e i loro sostenitori "senza se e senza ma" sarebbe una soluzione; per chi paga le tasse sarebbe sempre più un inferno.


Nessun commento:

Posta un commento