martedì 14 novembre 2017

Scorie - Stregonerie a 5 stelle




Mentre ero in Nepal mi sono perso una nuova proposta del M5S che credo possa prendere il posto delle scie chimiche quanto ad assurdità. Me ne sono accorto per caso un paio di giorni fa.

In pratica, secondo questi nuovi stregoni, il costo del cosiddetto reddito di cittadinanza, stimato in 17 miliardi, si pagherebbe da solo. Infatti "abbatterebbe il deficit strutturale liberando spazi finanziari intorno ai 15 miliardi".

Il ragionamento parrebbe essere il seguente: dato che il deficit strutturale è calcolato tenendo conto del cosiddetto output gap, ossia della differenza tra crescita effettiva e potenziale, a un aumento del Pil potenziale aumenterebbe l'output gap, quindi la Ue dovrebbe lasciare all'Italia più "flessibilità", ossia la possibilità di fare più deficit.

A prescindere dal fatto che tutto l'impianto dell'output gap è uno dei classici esempi di scientismo economico, trattandosi di costruzioni più o meno complesse e sostanzialmente arbitrarie (in termini più espliciti: fuffa), secondo i luminari del M5S il reddito di cittadinanza farebbe tornare attive una moltitudine di persone che ora non stanno cercando lavoro (tornerebbero attive per percepire il reddito di cittadinanza). Questo sarebbe sufficiente, di per sé, ad aumentare il Pil potenziale, quindi, a parità di Pil effettivo, l'output gap.

A quel punto l'Italia potrebbe fare più deficit, che nello sgangherato keynesismo nostrano (ancora più sgangherato nella versione pentastellata) si ritiene porti alla moltiplicazione dei pani e dei pesci, quindi a un aumento del Pil effettivo che, assieme al conseguente aumento del gettito fiscale, contribuirebbe al tempo stesso a ridurre il numeratore e ad aumentare il denominatore del rapporto tra deficit e Pil.

In pratica, basterebbe scrivere un provvedimento di legge che, prevedendo una maggior spesa certa di 17 miliardi annui, risolverebbe i problemi dell'Italia. Ovviamente se i partner europei mostreranno perplessità sarà il solito complotto contro l'Italia.


Nessun commento:

Posta un commento