mercoledì 20 settembre 2017

Scorie - Quale interdipendenza




Concludendo il suo intervento all'ultima assemblea generale dell'ONU, il presidente francese Emmanuel Macron ha affermato: "I muri non ci proteggono, il mondo è interdipendente."

A seguire un lungo applauso,dovuto anche al fatto che Macron è stato piuttosto critico nei confronti di Donald Trump.

Un discorso che non poteva non piacere ai devoti del politically correct e che, nell'affermazione che ho riportato, mi sembra anche piuttosto banale.

Sicché uno si aspetterebbe coerenza tra il dire e il fare. E, in tal caso, sarebbe ingenuo, perché pare che l'incoerenza tra il dire e il fare sia una delle principali qualità di un politico vincente.

Per esempio, non mi risulta che Macron abbia eretto muri al confine di Ventimiglia, ma ciò non gli ha impedito di mettere agenti che, talvolta, hanno iniziato a fare controlli in territorio italiano per evitare che i migranti provenienti dall'Africa andassero in Francia.

E, sempre per non parlare di muri, lo stesso Macron non ha esitato a nazionalizzare i cantieri navali Stx per evitare che la maggioranza andasse a una società italiana, ancorché il pacchetto di controllo precedentemente fosse di proprietà di una società sudcoreana.

Questa è il mondo interdipendente nelle azioni di Macron.
 


Nessun commento:

Posta un commento